• “Tutto nella vita è altrove…e ci si arriva in auto”
    (Elwyn Brooks White, 1942)

  • 12.9.14
    Per gli amanti delle sportive Bmw presenta un coupé a 4 porte

    Da sempre Bmw è sinonimo di auto performanti e dalle linee sportive. Anche le classiche berline a tre volumi, le cosiddette auto con la “coda”, si sono sempre distinte rispetto alla concorrenza per un carattere particolarmente dinamico. Negli anni, ovviamente, non sono poi mancate le versioni puramente sportive, sia nei motori che nelle carrozzerie. La berlina Bmw più venduta da sempre è la classica “Serie 3”, un’auto adatta per la famiglia ma anche per il lavoro. Un’auto che nasce “tradizionalista” ma che Bmw ha saputo rendere meno anonima grazie a quel tocco di sportività che l’ha sempre contraddistinta.

    Oggi però, nonostante la crisi, per Bmw evidentemente i tempi sono maturi per un altro salto di qualità che spiazzerà ancora una volta tutta la concorrenza. Non bastava la versione coupé a due porte che in casa hanno denominato Serie 4. E nemmeno la relativa versione Cabrio a quanto pare. Ecco quindi nascere la Serie 4 Gran Coupé: la versione a 4 porte della coupé Serie 4 o, se preferite, una versione coupé della classica Serie 3. Da qualunque punto di vista la si giudichi, la nuova creatura di Bmw ha in sé qualcosa di veramente geniale.

    Finalmente un’auto che soddisferà le esigenze di chi ha bisogno di spazio senza però rinunciare ad un’estetica originale e slanciata. Chi odia la monotonia delle classiche berline avrà finalmente pane per i propri denti. Esteticamente la Serie 4 GC riprende lo stile della fantastica (ed enorme) Serie 6 GC: cofano motore allungato, tetto basso, portellone spiovente. Per il resto, gli interni riprendono fedelmente quelli della Serie 4 a due porte. Quindi, ottime finiture e un concentrato di tecnologia che culmina con il sistema “iDrive”, l’apparato che gestisce tutte le funzioni secondarie nei modelli Bmw attraverso una manopola touch posizionata tra i sedili anteriori e uno schermo multifunzione.

    Intervenendo sul controller si può variare anche la modalità di guida: le opzioni selezionabili sono ECO PRO, COMFORT, SPORT, cui si aggiunge la SPORT+ in caso di vettura equipaggiata con cambio automatico. Il sistema interviene sulla risposta del motore, sul pedale del gas, sulla progressione del servosterzo, sui controlli di stabilità e sul Dynamic Damper Control (sistema controllo ammortizzatori). Al volante, la vettura riprende tutte quelle piacevoli qualità dinamiche già riscontrate sulla coupé due porte, con in più un pizzico di confort che in un’auto da famiglia non guasta mai. Altra annotazione piacevole riguarda gli interni.

    Oltre ad avere un abitacolo più vivibile ed accessibile, soprattutto dietro, la Serie 4 GC vanta anche un bagagliaio più ampio rispetto alla due porte: 35 litri in più per un totale di 480 litri in configurazione normale che salgono a ben 1300 ribaltando gli schienali dei sedili posteriori. Oltre alle dimensioni esterne anche le motorizzazioni disponibili sono le stesse della Serie 4. Si parte quindi con i benzina 2.0 da 184 e 245cv e con il 3.0 da 306cv che corrispondono rispettivamente alle versioni 420i, 428i e 435i. Novità invece per quel che riguarda i diesel con l’introduzione della versione 418d con il 2.0 da 143cv: un ampliamento della gamma motori verso il basso che farà la felicità di chi, con la propria auto, percorre tanti km ma con un occhio sempre attento ai costi di gestione.

    Il 2.0 diesel è disponibile anche nella versione da 184cv e in quella twin-turbo da 218cv, mentre il poderoso 3.0 in quella da 258 e da 313cv (versioni corrispondenti: 420d, 425d, 430d, 435d). Piacevole sorpresa riserva il capitolo dei prezzi: anch’essi identici rispetto alla versione a due porte, partono da 37.900 euro per la versione 320i benzina (40.500 per la 418d). Al cliente finale non rimane quindi che la scelta della carrozzeria.


    Sono presenti 0 commenti

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa